lunedì, settembre 05, 2011

Presidio di Montecitorio



Forse non lo sapete perché il 99 % dei media si è "scordata" di dirlo, ma dal 4 giugno, davanti a Montecitorio, esiste un gruppo di persone che presidia davanti a Montecitorio. Persone di diverse idee politiche, ma unite da un unico obiettivo, persone che sventolano l'unica vera bandiera, il tricolore, senza simboli politici.

Cosa vogliono? Copio e incollo dal loro sito


Riduzione dei compensi di parlamentari e amministratori pubblici di almeno il 50% (i soggetti interessati sono circa 500.000 e non 900 come sbandierano dicendo che non si risolve niente. Questo provvedimento da solo porterebbe ad un risparmio annuo di 12 MILIARDI DI EURO!!!) Riforma elettorale con elezione diretta del candidato (l’attuale legge elettorale è anticostituzionale, FUORI LEGGE) in base all’Art. 56 della Costituzione Italiana “La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e DIRETTO” Scioglimento delle Camere (in quanto all’interno delle attuali Camere sono venuti a mancare i requisiti previsti dagli Art. 54 della Costituzione Italiana) “Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge” (e dall’Art. 66 della Costituzione Italiana) “Ciascuna Camera giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità.”

Una persona da oltre 90 giorni sta scioperando per la fame: Gaetano Ferrieri dal 4 giugno ha smesso di mangiare in sostegno della causa. Televisioni di tutto il mondo si stanno occupando del caso, a cominciare dalla CNN e da varie tv di vari stati, come le vicine Austria, Svizzera, Germania; anche le tv di Cina, Brasile e Corea si stanno interessandosi. Ovviamente fa scalpore che in Italia non ne ha parlato quasi nessuno, tranne lo Zoo di 105, unica trasmissione telefonica che ha più volte menzionato questa protesta, appoggiandola e promuovendola. Ho letto articoli nei siti di Vanity Fair, Repubblica, Il Fatto Quotidiano e qualche giornale locale. Tenete conto che ora che sono stati superati i tre mesi sta iniziando a parlare timidamente qualche giornale, in tv non ho sentito nulla. E la classe politica come ha reagito? Leggo sul sito ufficiale della protesta che i politici mediamente hanno sempre tirato dritto.

Nemmeno i vari Bersani e Di Pietro, sempre pronti in Parlamento a fare la voce grossa e a riempirsi di belle parole, non hanno degnato di attenzione il presidio. Chissà se Pannella andrà a trovare Gaetano quando quest'ultimo supererà il record di 96 giorni di sciopero della fame, stabilito proprio dal politico dei radicali. Chissà se Vendola, sempre pronto anche lui a pubblicizzare una politica migliore, lascerà un giorno la sua Puglia per andare a trovare il presidio.

Forza Gaetano, io non vivo a Roma, altrimenti sarei certo venuto a stringerti la mano e a dare coraggio al gruppo che manifesta da 3 mesi.

4 commenti:

giglio on 05/09/11, 10:55 ha detto...

Voui sapere la verità? non ne sapevo nulla. Onore a questa gente che presidia anche per noi che siamo capaci solo a lamentarci e anon fare nulla di concreto, che amarezza....

chaillrun on 05/09/11, 16:15 ha detto...

ecco perché io è quasi un anno che faccio lo sciopero dei giornali (di carta e di tv) nazionali ..passan e non passan quel che vogliono.

uso la rete per tenermi informata, come ad esempio il blog tuo nel caso specifico.

Alessandra on 06/09/11, 00:13 ha detto...

Non sai quanto vorrei che le cose in Italia cambiassero una volta per tutte... ma volerlo non è abbastanza, ci vogliono persone così, come Gaetano. Io spesso mi rimprovero di non fare abbastanza.

Paòlo on 06/09/11, 00:28 ha detto...

X Giglio, diffondiamo in modo che sempre più persone lo sappiano.

X chaillrun, a parte il tg di La7, che un po' si discosta dagli altri, non seguo altri Tg. Per il resto web.

X Alessandra, anche io vorrei fare più. Intanto cerchiamo di usare l'arma che abbiamo, scriviamo, parliamo, diffondiamo.

Articoli correlati

 
Pαòℓσвℓσg Copyright © 2010 Blogger Template Sponsored by Trip and Travel Guide