lunedì, marzo 09, 2009

Festeggiare? No sensibilizzare

Ieri era la Giornata Internazionale della Donna - altro che festa -. Vi siete divertite? Avete fatto festa? Per un giorno avete abbandonato piatti e pentole? Per un giorno avete fatto quel che volete?

Non dico che sia sbagliato festeggiare, ma in primis si dovrebbe far festa sempre, non aspettare date comandate per farlo. Ma soprattutto l'8 marzo dovrebbe essere l'occasione per fare un bilancio, voi donne insieme anche agli uomini. Sentendo diverse donne, rispetto a 10 anni fa non si sono fatti molti progressi verso una maggior parità tra sessi. Anche se in teoria oggi le donne possono accedere a tutte o quasi le cariche e i ruoli sociali, in pratica ci si meraviglia di vedere una donna che guida l'autobus - figuratevi come Capo dello Stato -. Poi non parliamo di cosa accade in certe zone dove la donna è considerata essere minore.

Ma senza andare così lontano, quante violenze sentiamo sulle donne? Insomma non è una questione di leggi, ma di mentalità retrograda che resiste in certe menti. Su questo si dovrebbe sensibilizzare l'opinione pubblica, non altre scemate come le spiagge per le donne.

1 commenti:

mò ha detto...

l'8 marzo non dovrebbe essere una festa in cui donne "scatenate" escono a fare le cretine in giro, dato che è l'unica ser l'anno in cui possono abbandonare i fornelli... l'8 marzo è una giornata simbolica di lotta, per rivendicare i diritti che abbaimo faticosamente conquistato e quelli che ancora non abbiamo! la condizione della donna oggi è apparentemente migliorata, ma non serve andare tanto lontano per vedere soprusi, violenze eccetera!

Articoli correlati

 
Pαòℓσвℓσg Copyright © 2010 Blogger Template Sponsored by Trip and Travel Guide