mercoledì, maggio 23, 2012

Giovanni Falcone

Oggi ricordiamo la morte di Falcone sotto i colpi del tritolo. Ma io per i 20 anni vorrei ricordarlo non per la morte o per quanto gli hanno detto di brutto quando era in vita. Io oggi lo voglio ricordare per le sue parole, i suoi insegnamenti, perché anche se oggi lui non c'è, il suo ricordo è vivo e le sue parole devono essere vive, stampate nel cuore e nella mente. Queste sono alcune sue parole significative che ci ha lasciato.

L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio, è incoscienza.

Bisogna però rendersi conto che [la mafia] è un fenomeno terribilmente serio e grave, e che va combattuto non pretendendo l'eroismo di inermi cittadini, ma coinvolgendo nella lotta le forze migliori delle istituzioni.



La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine.

La mafia, lo ripeto ancora una volta, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società. Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli o no, volontarie o obbligate, che spesso godono del consenso della popolazione.

Possiamo sempre fare qualcosa: massima che andrebbe scolpita sullo scranno di ogni magistrato e di ogni poliziotto.

Queste invece sono frasi dette su Falcone

In un altro Paese gli artefici di una tale vittoria sarebbero stati considerati un patrimonio nazionale. Dopo aver vinto la prima battaglia a Palermo, ci si sarebbe aspettato che Falcone e i suoi colleghi fossero messi nella condizione di vincere la guerra. Invece in Italia avvenne proprio il contrario. (Alexander Stille)

Né il Paese né la magistratura né il potere, quale ne sia il segno politico, hanno saputo accettare le idee di Falcone, in vita, e più che comprenderle, in morte, se ne appropriano a piene mani, deformandole secondo la convenienza del momento. E' soltanto il più macroscopico paradosso della vita e della morte di Giovanni Falcone: la sua breve esistenza, come oggi la sua memoria, è stata sempre schiacciata dal paradosso, a ben vedere. Ce ne sono di clamorosi... Non c'è stato uomo in Italia che ha accumulato nella sua vita più sconfitte di Falcone. E' stato sempre "trombatissimo". Bocciato come consigliere istruttore. Bocciato come procuratore di Palermo. Bocciato come candidato al Csm, e sarebbe stato bocciato anche come procuratore nazionale antimafia, se non fosse stato ucciso. (Ilda Boccassini)

Infine vorrei ricordare e commemorare la morte, oltre che del giudice, anche quel giorno morirono la moglie e gli uomini della scorta: Vito Schifani, Antonio Morinari e Rocco Dicillio. L'ultima citazione che voglio riportarvi, è della moglie di Vito.

Io, Rosaria Costa, vedova dell'agente Vito Schifani mio, a nome di tutti coloro che hanno dato la vita per lo Stato, lo Stato..., chiedo innanzitutto che venga fatta giustizia, adesso. Rivolgendomi agli uomini della mafia, perché ci sono qua dentro (e non), ma certamente non cristiani, sappiate che anche per voi c'è possibilità di perdono: io vi perdono, però vi dovete mettere in ginocchio, se avete il coraggio di cambiare... Ma loro non cambiano... [...] ...loro non vogliono cambiare... Vi chiediamo per la città di Palermo, Signore, che avete reso città di sangue, troppo sangue, di operare anche voi per la pace, la giustizia, la speranza e l'amore per tutti. Non c'è amore, non ce n'è amore...

6 commenti:

erborista1 on 23/05/12, 18:53 ha detto...

Ciao Paolo,come si può dimenticare un uomo così.Quello che mi fa arrabbiare è che lo stato(e forse il motivo lo si può intuire)non lo ha appoggiato più di tanto.Buona giornata

gattonero on 23/05/12, 19:32 ha detto...

Bocciato in tutte le possibilità di ampliamento dei suoi interventi: e le istituzioni commemorano.
Non vorrei sembrasse una bestemmia, ma più che commemorare ho l'impressione che, ancora dopo 20 anni e dopo la sua morte, ci sia chi festeggia.
E, almeno ufficiosamente, non è la mafia.

Alessandra on 23/05/12, 21:53 ha detto...

Da non dimenticare. Mai.

Paòlo on 23/05/12, 22:00 ha detto...

Ho aggiornato il post, inserendo un'ultima citazione, della moglie di Vito Schifani. A distanza di 20 anni fa rabbrividire come se fosse stata appena detta.

gattonero on 23/05/12, 23:26 ha detto...

L'avevo sentita allora, l'ho sentita ancora in questi giorni, la rileggo qui da te.
Da ammirare, senza dubbio, e commovente.
Evidentemente ci vuole una forza più che umana per pronunciare queste parole, in quella circostanza.
Io, che forse non sono umano, mi sarei fermato all'inginocchiatevi... e avrei sparato un colpo in piena fronte, senza aspettare la richiesta di perdono.
Il perdono si dà a chi lo chiede di sua sponte, non a chi da allora ha continuato a massacrare.
Impunemente impunito.

il cesco on 24/05/12, 00:31 ha detto...

"è finita...è...finita". (Antonino Caponnetto)

(sono d'accordo con le parole di gattonero)

Articoli correlati

 
Pαòℓσвℓσg Copyright © 2010 Blogger Template Sponsored by Trip and Travel Guide